playmaker di basket

Il ruolo del playmaker nella pallacanestro

Indice del contenuto

Il playmaker, che occupa la posizione 1, ha diversi ruoli su un campo da basket. Innanzitutto, è importante ricordare che si tratta di una posizione di grande responsabilità. Gli errori si pagano in denaro. Un passaggio sbagliato può essere facilmente punito da un contropiede. In questo modo la sua squadra ha un’opportunità in meno di aggiungere due o tre punti al suo bilancio. Allo stesso modo, a causa di un cattivo ripiegamento difensivo, l’avversario può andare a canestro alla velocità della luce.

Un playmaker di basket: una posizione complessa

La qualità di un playmaker si misura attraverso diversi criteri. Ad esempio, il numero di punti segnati e subiti quando è presente sul parquet. Si deve tenere conto anche del numero di assist, rubate e palle vaganti che realizza. Così come la sua percentuale di tiro. I numeri sono ovviamente importanti quando si tratta dello sviluppo di un giocatore, ma non raccontano tutta la storia.

La cosa più importante è sapere se fa giocare bene la sua squadra. Oltre a guidare il gioco, deve essere un vero leader di uomini e sapere quando calmare le acque. Un certo carisma è essenziale per essere rispettato da tutti coloro che sono direttamente coinvolti nel gioco. Questo include soprattutto il suo allenatore e i suoi compagni di squadra, ma anche gli avversari e gli arbitri. Anche la forza mentale è un’altra delle caratteristiche da possedere.

Le qualità dei playmaker

I playmaker sono generalmente veloci con o senza palla in mano. Il posto 1 è il padrone del campo, decide il ritmo da imprimere e i diversi sistemi di gioco ideati dall’allenatore. È una vera e propria staffetta per il capo allenatore in termini di istruzioni impartite. Le due persone devono capirsi con semplici gesti. È auspicabile che ci sia un forte legame tra loro. Non sempre è necessario parlare.

Le capacità dell’allenatore sono molteplici. Il suo impatto sulla squadra spesso non si limita al campo. Costruire la fiducia dei compagni di squadra e trovarli in posizioni e condizioni ottimali fa parte del suo lavoro. La palla passa dalle sue mani quasi ogni volta che viene passata. Annunciare i sistemi a voce e far fluire la squadra fa parte della sua routine quotidiana. Allo stesso tempo, deve essere il primo a indicare la strada e il suo comportamento deve essere esemplare. Come un capitano e un leader, non deve esitare ad alzare la voce in campo o nello spogliatoio per riequilibrare le truppe. Mettere in campo i compagni di squadra, soprattutto in fase offensiva, fa parte del suo ruolo.

I diversi tipi di playmaker

È importante sapere che esistono diversi tipi di playmaker. Alcuni hanno un profilo più marcatore o organizzativo di altri. Un versatile post 1 può fare quasi tutto.
In difesa, è in prima linea e cerca di rallentare l’attacco avversario. Ha un ruolo importante nel tentare intercetti e ottenere canestri facili in contropiede. Tecnica e visione di gioco sono essenziali per ottenere prestazioni di alto livello.
Il playmaker è potenzialmente il giocatore più piccolo e più magro del campo. Naturalmente non è così per tutti.

Il prototipo del playmaker ideale: grande ed esperto come Chris Paul, esplosivo come Russell Westbrook, abile come Trae Young, veloce come John Wall, intelligente come Ricky Rubio, versatile come Luka Dončić, micidiale come Damian Lillard, ringhioso come Patrick Beverley, con il manico di Kyrie Irving, la stazza di Ben Simmons e la visione di gioco di LeBron James.

Informazioni sull'autore dell'articolo
Alan Le Bolloch

Alan Le Bolloch

Alan è il fondatore e fotografo di 3PTSHOT! Da oltre 10 anni condivide la sua passione per il basket su questo blog. Viaggia regolarmente negli Stati Uniti per seguire le partite dell'NBA. Alan è anche autore del libro "Crea un sito web di successo: vivi della tua passione e realizza i tuoi sogni".